Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Un tiglio per Giovanni "Ravena" Ravinale: con Azio Citi e Carlin Petrini formava un trio speciale a Bra

BRA

Foto
Condividi FB

FIORELLA AVALLE NEMOLIS - La felice pratica di piantare alberi in memoria di persone scomparse, a Bra, in provincia di Cuneo, comincia a diffondersi. E' Bruna Sibille, già sindaco di Bra, che comunica agli amici e conoscenti che al ventennale della morte di Giovanni Ravinale, per ricordarlo, sabato 30 novembre, alle 11, al giardino di via Velso Mucci 4-6, ci sarà una piccola cerimonia per la piantumazione di un tiglio.

"E' proprio il giardino della stessa casa - spiega Bruna Sibille - che Giovanni, insieme ad amici, tra i quali anche mio marito Ugo, fece costruire in forma cooperativa in via Velso Mucci: questo accadeva ben 35 anni fa! Quindi tutti coloro che hanno avuto l'occasione di conoscerlo per la costruzione della casa, per le indimenticabili zingarate, per l'attività politica da lui svolta, o per la collaborazione con Slow Food, sono invitati ad intervenire".

Giovanni Ravinale, classe 1951, era molto conosciuto a Bra. Alto, dinoccolato, capigliatura un po' lunga come usava all'epoca, era un personaggio originale, molto spiritoso e ironico. Con Carlin Petrini ed Azio Citi formavano un trio molto affiatato, le loro imprese facevano scalpore per originalità e gusto del divertimento puro.

"Noi lo chiamavamo 'Ravena' - commenta il suo amico Azio Citi - una semplice contrazione del suo cognome. Lui, altissimo, ed io meno, formavano il divertente articolo "il". Era arguto, un vero talento in battute esilaranti, sapeva cogliere la comicità anche nelle cose più banali.

Anche in Radio Onde Rosse Bra, tra le prime private, interpretava personaggi che si inventava osservando qua e là. Sul lavoro era precisissimo, e fu un collaboratore prezioso per Carlin, seguì tutte le pratiche per la ristrutturazione del l'Università di Pollenzo, molto ferrato in materia edilizia perchè lavorava all'impresa Maes (piastrelle - pavimenti e arredi vari) di Savigliano.

Ho un buon ricordo di lui e rammento la frase di congedo di Carlin durante il suo funerale: "Si chiude il sipario". E non c'è altro da dire.

Fiorella Avalle Nemolis

VIDEO