Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Storia antica e archeologia: è alle porte un autunno ricco di cultura e mostre in città con Alba Sotterranea

ALBA

  • Foto
  • Foto
  • Foto
Condividi FB

Nei prossimi mesi, presso la chiesa di San Giuseppe, si terranno alcuni eventi molto interessanti: i nuovi corsi e due mostre che renderanno l'autunno albese ancora più ricco!

A ottobre ripartono i CORSI:

Archeologia e storia antica nel Piemonte meridionale in età romana, presso la Chiesa di San Giuseppe ad Alba, 4 lezioni serali dalle 20.00 alle 22.00, tutti i mercoledì dal 2 al 23 ottobre. 

Storia dell'arte del Quattro-Cinquecento. Dal Tardogotico al Rinascimento nel basso Piemonte, presso la Chiesa di San Giuseppe ad Alba, 4 lezioni serali dalle 20.00 alle 22.00, tutti i martedì dall’1 al 22 ottobre.

A novembre invece sarà il turno di questi altri CORSI:

Corso di Storia dell’arte del Sei-Settecento. Il Barocco nel Basso Piemonte, presso la chiesa di San Giuseppe ad Alba, 4 lezioni serali dalle 20.00 alle 22.00, tutti i martedì dal 5 al 26 novembre.

Corso di Archeologia preistorica tra Piemonte e Liguria. Dall’età del Bronzo all’età del Ferro (modulo B), 4 lezioni serali dalle 20.00 alle 22.00, tutti i mercoledì dal 6 al 27 novembre.

Corso su Rischio e dinamica gravitativa di versante e alluvioni, 2 lezioni serali dalle 20:00 alle 22:00, giovedì 7 e venerdì 8 novembre, con l’escursione in programma per domenica 10 novembre.

Dal 14 al 22 settembre, presso la chiesa di San Giuseppe di Alba, sarà possibile visitare un'interessante mostra dedicata alle missioni albesi in Bangladesh, che verrà inaugurata sabato 14 settembre alle ore 17.30.

LA MOSTRA SULLE MISSIONI ALBESI IN BANGLADESH

I primi colori che cattureranno i visitatori della mostra saranno quelli dei ricami delle Noxi kanta che qualcuno chiama gli Arazzi del Bangladesh. Queste opere di vere artiste hanno una storia romantica. Le donne bengalesi quando aspettavano il marito che era andato in guerra o più semplicemente doveva arrivare dal lavoro dei campi o dalla pesca, confezionavano a casa piccole trapunte o coperte, ricamate con abilità e impreziositi da infinita pazienza.

Una pubblicazione raccoglie i racconti e i disegni. Questi ultimi sono tanto simili ai disegni rupestri realizzati migliaia di anni fa dall’infanzia dell’umanità.

Inoltre nella mostra saranno esposte oltre 200 immaginette dipinte a mano da giovani artisti bengalesi rappresentanti l’immagine di Gesù.

Più in generale, la mostra getta luce su uno scenario in cui le comunità cristiane erano molto fragili e tutte da formare. Era necessario promuovere iniziative varie su tutti i fronti e i missionari e le missionarie lavorarono instancabilmente nel campo dell’educazione, della salute, dell’alimentazione e della pastorale.

La mostra si potrà visitare dal martedì alla domenica con il seguente orario: 10.00-12.30 14.30-18.30

VIDEO