Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

SAVIGLIANO/ Domenica per "Le armonie della memoria" il Quartetto Echos al Museo civico

SAVIGLIANO

Foto
Condividi FB

Seguendo principi di progettazione ormai collaudati ed accolti dal favore di un pubblico numeroso ed attento, la stagione artistica 2019 delle “Armonie della Memoria” di Savigliano si snoda fino al 12 aprile all’insegna della varietà propositiva sostenuta da scelte oculate per il parco interpreti.

Dalla musica colta al rock, dall’orchestra al recital solistico, dal nome circondato di fama allo spazio per i giovani strumentisti, l’armonia si realizza in primis nell’equilibrata distribuzione dell’offerta concertistica, peraltro dislocata in sedi prestigiose, come la splendida sala affrescata di Palazzo Taffini, di forte impatto visivo e sostenuta da accurate modalità di ospitale accoglienza.

E se tutto il patrimonio dell’arte, nell’età dell’effimero, rivendica la memoria culturale a sostegno ineludibile dell’identità individuale e sociale, la memoria storica incontra un evento eccezionale all’interno del presente calendario, affidando al celeberrimo Coro della Sat di Trento l’appuntamento con gli anniversari della Prima Guerra Mondiale.

Proprio dalle melodie ascoltate in quegli anni di povertà, miseria e sofferenza cominciava infatti l’avventura musicale dei fratelli Pedrotti, destinata ad una fortuna planetaria.

E ancora si dice e s’ascolta di guerra e d’amore, nonostante tutto, nelle pagine di Etty Hillesum, diario d’olocausto, per il reading di Ubaldo Rosso ed Elena Zegna in occasione della giornata ufficiale “della memoria”.

Storie diverse, ma sempre dentro la storia, il calendario dispone quindi una ridda di serate tutte imperdibili, per il gusto di festeggiare all’italiana il Capodanno con le immortali melodie di Verdi, per riscaldare il cuore nel freddo inverno con il clima mediterraneo di tanghi argentini, per rifugiarsi nei fumosi bistrot della belle-epoque non solo parigina, per sognare al ritmo sensuale del flamenco spagnolo.

A soddisfare esigenze di altro impegno estetico si guardi infine alla musica da camera, dentro le locandine “per i giovani” al Museo Civico, con i capolavori del quartetto d’archi firmati da Mozart o Janacek, oppure ai preziosismi inediti del trio inconsueto flauto, clarinetto e chitarra, o ancora al pianoforte (all’Auditorium della Croce Nera), sicuro approdo, tra Bach, Schumann e Chopin, per gli inguaribili eterni romantici.

Prossimo appuntamento domenica 17 marzo alle ore 16,30 al Museo Civico di Savigliano. Sul palco il Quartetto Echos. 

Domenica 17 marzo 2019 ore 16,30 Museo Civico (PER I GIOVANI)

QUARTETTO ECHOS

Andrea Maffolini, Ida Di Vita violini
Giorgia Lenzo viola

Martino Maina violoncello

Il quartetto d’archi ‘Echos’ nasce nel 2013 all’interno del conservatorio G.Verdi di Torino dalla passione per la musica da camera che da sempre ne accomuna i componenti. In questi anni di attività la compagine ha avuto modo di approfondire lo studio d’assieme con prestigiosi maestri nonché di esibirsi per importanti stagioni concertistiche italiane, guadagnandosi anche il premio della critica Abbiati “Piero Farulli”.

Due capolavori in locandina per testare ampiamente le qualità degli interpreti: il Quartetto K 465 di Mozart, con il suo mitico esordio costruito su un arditissimo impianto tonale, tanto da guadagnare il soprannome di Quartetto “delle dissonanze”, salvo poi disporre teatrali contrasti, atmosfere contemplative, arguzie fraseologiche, calibrati giochi di imitazione.

Con un ampio salto temporale Leos Janacek sceglie proprio la tradizionale astrattezza dell’ensemble d’archi per descrivere (“Lettere intime” si nomina la pagina) la passione per Kamila Stösslovà, di 38 anni più giovane di lui, trasformando in musica la sua corrispondenza amorosa: "Ho cominciato un Quartetto - scrisse a Kamila -, lo chiamerò Lettere d'amore. Posso finalmente scrivere della musica su di esse [...] Conterrà la nostra vita». E soprattutto i moti interiori del compositore, in un procedere rapido e nervoso, frammentario ed irregolare.

INGRESSO: 5 EURO. STUDENTI: 1 EURO.

VIDEO