Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Quando l'alpino è donna: Francesca Semeraro con i compagni di Bra all'Adunata di Milano

BRA

Foto
Condividi FB

FIORELLA AVALLE NEMOLIS - Compie 100 anni la fondazione dell'Ana: Associazione Nazionale Alpini, radicatisima nel nostro paese: dalle Alpi alla Sicilia. Quante volte vediamo le penne nere sfilare e non solo nei raduni. Li notiamo ovunque, presenti nei momenti di bisogno per tutta la popolazione. Si mobilitano durante le catastrofi naturali, accorrono a portare soccorso in tutto il Paese. E' un corpo di volontariato generoso verso la cittadinanza, in ogni occasione. Niente li ferma.

Durante l'adunata nazionale, svoltasi a Milano, come ogni volta, le penne nere, ben visibili con divise colorate e ben compatte, hanno contagiato tutti con proverbiale affabilità e allegria. Sono ammirati e ben voluti per semplicità nei modi, con i volti segnati dalla fatica, dalla neve, dal sole e dal vento. Anche la corposa Divisione Cuneense ha attraversato la città di Milano e tra loro, in prima fila, è spiccato un cappello troppo grande per un viso di donna, sorridente, minuto e così grazioso. Era Francesca Semeraro, che con i suoi numerosi ed affiatati compagni di Bra, non è mancata per nulla al mondo all'appuntamento.

"Sfilare e riecevere applausi - commenta - incrociando sguardi di tante persone che ti ringraziano e ti sorridono, mi inorgoglisce, mi rende fiera di indossare il cappello degli alpini! E' un'emozione indescrivibile e non ti nego che per la commozione mi sono trattenuta dal piangere”. E' il sentimento che accomuna tutti gli alpini, incrollabili e pazienti, solidi come le rocce che sanno scalare e devoti fino al sacrificio. E' con grande ammirazione e simpatia che mi avvicino a loro, li ascolto e li ringrazio, perchè non si risparmiano mai!

Fiorella Avalle Nemolis

VIDEO