Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

PAESANA/ "Animiamoci in valle", educazione alla salute con il Consorzio Monviso Solidale

CUNEO

Foto
Condividi FB

CUNEO CRONACA - Giovedì 22 settembre nella Sala polivalente di Paesana è in programma un pomeriggio di attività ludico-ricreative rivolte a persone con età maggiore di 60 anni e proposte dal Consorzio Monviso Solidale. Durante l’incontro, che si svolge dalle ore 14.30 alle ore 16.30, un’infermiera di famiglia e comunità (IfeC) proporrà alcune pillole di educazione alla salute, tema che si affiancherà a giochi e ad altre animazioni di gruppo messi in atto con l’intento di creare un meccanismo positivo di socialità, un’occasione per conoscersi, per incontrarsi e per creare o rinsaldare amicizie che possano poi essere coltivate anche al di là dei momenti di animazione.

Le animazioni, sempre nuove e ispirate ai classici giochi da tavolo rivisitati in chiave locale o a giochi resi celebri da trasmissioni televisive, rappresentano ogni volta una vera e propria sorpresa per i partecipanti e sono studiate dall’Equipe Valli del Monviso, un affiatato gruppo di educatori professionali e operatori socio assistenziali del Consorzio Monviso Solidale, che lavorano da anni con successo mettendo in atto queste modalità di intervento. Per avere maggiori informazioni è possibile telefonare al numero 366.4305258. 

L'appuntamento, a partecipazione gratuita e inserito nel calendario di “Animiamoci in valle”, è una delle azioni messe in atto nei GIPIC (Gruppi Integrati di Presa In Carico) dal Consorzio Monviso Solidale e dall’Asl CN1,  nelle valli Po e Bronda nell’ambito del progetto IncL - Bien Vieillir / Invecchiare Bene, che fa parte del Piano Integrato Territoriale PITER Terres Monviso, e intende offrire un’occasione di socializzazione a chi desidera trascorrere del tempo in compagnia ma anche un’opportunità formativa sui temi della salute e della prevenzione. Dall’avvio del progetto gli incontri organizzati sono stati più di venti, per una partecipazione complessiva di più di 300 anziani.

VIDEO