Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Dronero: “l’arte dell’illusione” di Alexander apre la rassegna di magia Sim Sala Blink

CUNEO

  • Foto
  • Foto
Condividi FB

Sabato 12 ottobre, presso il Teatrino “Blink” di Dronero (piazza Martiri, 5), con un doppio spettacolo alle ore 18 e alle 21, il mago Alexander porta in scena “L’arte dell’illusione”.

L’evento apre la quinta edizione della rassegna di sei spettacoli di magia “Sim Sala Blink”, ideata e organizzata dal circolo magico “Blink” di Dronero con il patrocinio del Comune di Dronero, dalla Provincia di Cuneo e dall’ATL del Cuneese. Blink, “il circolo magico più felice del mondo”, è un luogo d’incontro in cui gli appassionati studiano e praticano l’arte della magia, situato nei sotterranei dello storico palazzo al centro di Dronero dove trova spazio anche il teatro cinema Iris.

Protagoniste dello show dell’illusionista che negli anni Ottanta e Novanta ha tenuto attaccati agli schermi milioni di telespettatori, sono le tante facce dell’arte magica: brillante, drammatica, comica, mentale, storica. Magia, ironia, illusione e impossibile sono gli ingredienti di uno spettacolo che saprà stupire i bambini e meravigliare gli adulti.

L’ingresso è unico al costo di 10 euro per entrambi gli spettacoli ed è consigliata la prenotazione che è possibile effettuare chiamando il numero 366.5397023 o consultando il sito web www.blinkcircolomagico.it.

Elio Alexander Degrandi è un mago illusionista piemontese, nato a Torino, che scopre e si appassiona di magia all’età di dieci anni. Si dedica alla manipolazione, privilegiando in modo particolare quella con le monete. Amante della fisica e della scienza, Alexander è l’unico italiano ad oggi che ha vinto il titolo FISM di campione del mondo di manipolazione.

È salito alla ribalta grazie a trasmissioni televisive quali “Domenica In” e “Zim Zum Zam” lavorando al fianco di personaggi noti della televisione italiana, tra i quali Raffaella Carrà, Sandra Mondaini, Tullio Solenghi, Paolo Bonolis, Heather Parisi e Carmen Russo... A teatro i suoi spettacoli sono sempre avvincenti, partecipati e applauditi: una ventina di numeri di magia bianca, rifacendosi alla tradizione ermetica di Pico della Mirandola e di Giordano Bruno con deviazioni taoistiche, fondendo i numeri con le suggestioni subliminali e il linguaggio del corpo, la programmazione neurolinguistica, la mnemotecnica e la quantistica.

Sempre convinto, forse fin troppo sicuro di sé, della bontà dei suoi esperimenti, Alexander spiega sempre che ha incontrato queste tecniche magiche, approfondendo la quantistica: “Tutti i miei trucchi, tutte le mie tecniche, sono di tipo psicologico o mentale, piccoli prodigi ottenuti usando le parole, le proiezioni di immagini e filmati, la suggestione, la musica, le luci. Gli spettatori non troveranno il doppio fondo nella scatola”.

Oltre a queste caratteristiche che fanno di Alexander più uno scienziato che un mago, è da sottolineare l’estrema professionalità di questo frontman. 

VIDEO