Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

CUNEO/ Interpellanza di Vincenzo Pellegrino sulla qualificazione del Covid-19 come infortunio sul lavoro

CUNEO

Foto
Condividi FB

CUNEO CRONACA - Lunedì 25 e martedì 26 maggio si terrà a Cuneo il consiglio comunale. Durante la seduta verrà dibattuta l'interpellanza di  Vincenzo Pellegrino (Centro per Cuneo - Lista Civica) su qualificazione Covid-19/Infortunio sul lavoro: "Mi auguro che il Parlamento intervenga presto prevedendo assieme alla tutela del lavoratore uno scudo penale e civile per i datori di lavoro, salvo che per inadempimento agli obblighi di sicurezza.

In base al DPCM 17.03.2020, 'nei casi accertati di infezione da coronavirus in occasione di lavoro, il medico certificatore redige il consueto certificato di infortunio'. Questa previsione espone pesantemente i datori di lavoro a responsabilità civili e penali anche qualora non vi sia violazione alcuna delle norme prescritte sulla sicurezza del lavoro.

Bene ha fatto l'Inail ad intervenire in questi giorni precisando che le responsabilità 'devono essere rigorosamente accertate, attraverso la prova del dolo o della colpa del datore di lavoro, con criteri totalmente diversi da quelli previsti per il riconoscimento del diritto alle prestazioni assicurative'.

Il chiarimento è importante ma non è risolutivo perché purtroppo rimane un'interpretazione insufficiente dal punto di vista giuridico per mettere in sicurezza i datori di lavoro perché - se non si intervenisse per correggere la previsione del DPCM 17.03.2020, gli imprenditori rischierebbero comunque di essere coinvolti in contenziosi di natura civilistica e penalistica pur avendo rispettato alla lettera i protocolli.

Dette previsioni non riguardano unicamente i datori di lavoro in senso stretto ma tutte le attività a 360°: dalla scuola allo sport, dalla cultura al culto della religione".

Lo dichiara Vincenzo Pellegrino, Consigliere comunale di Cuneo.

INTERROGAZIONE DI VINCENZO PELLEGRINO (Centro per Cuneo - Lista Civica) SU 40° EDIZIONE DEL CONCERTO DI FERRAGOSTO - CANDIDATURA CITTA' DI CUNEO

"Cuneo, Capitale delle Alpi del Mare, può essere candidata ad ospitare la 40° edizione del Concerto di Ferragosto dell'Orchestra 'Bartolomeo Bruni'.

Con il Parco della Resistenza circondato dalla cornice delle Alpi, ha il sito naturale per ospitare e celebrare la quarantesima edizione del Concerto di Ferragosto ed il Comune di Cuneo ha la struttura necessaria per provvedere a organizzare al meglio la predisposizione e la gestione dell’evento. Potremmo avere – per la prima volta, in circostanze auspichiamo irripetibili – l’Orchestra Bruni nel nostro ‘giardino di casa’. 

Le linee guida consentono concerti all'aperto con un numero massimo di 1.000 spettatori. 

Potrebbe essere l'occasione per favorire una straordinaria partecipazione di anziani, bambini e persone diversamente abili che normalmente hanno maggiori difficoltà a raggiungere i classici siti del Concerto".

Lo dichiara Vincenzo Pellegrino, Consigliere comunale di Cuneo.

VIDEO