Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

CEVA/ Appello del Comitato alluvionati alla politica: "Ancora tante famiglie versano in situazione disagevole"

MONDOVì

Foto
Condividi FB

SERGIO RIZZO - Il “Comitato Alluvionati Ottobre 2020”, costituitosi spontaneamente a seguito dell’ultima esondazione come portavoce delle persone residenti nella zona, lungo la sinistra e la destra orografica del fiume Tanaro, ha inteso rappresentare la disagevole situazione in cui versano a oggi le famiglie dell’area, a distanza di ormai sei mesi dall’evento alluvionale del 2 e 3 ottobre 2020.

È stato un momento particolarmente intenso in cui i rappresentanti del Comitato hanno esposto ai due rappresentanti regionali, convenuti per l’occasione in piazza “Le Val”, le principali problematiche che costituiscono motivo di grave preoccupazione per la cittadinanza residente.

L’intento delle richieste è quello di evidenziare che la popolazione dell’area in cui è avvenuta l’esondazione, teme in occasione delle prossime piogge autunnali, di doversi ritrovare nella medesima situazione già provata nel 1994 del 2016 e 2020 a distanza di pochi anni  da interventi attuati ma risultati indiscutibilmente non risolutivi. Il timore che le opere necessarie non troveranno compimento in tempi rapidi in quanto non è ancora nota la precisa definizione degli interventi pubblici che dovrebbero essere compiuti,  genera in tutti i cittadini un sentimento di forte esasperazione e fa crescere il timore per il prossimo futuro. Nella lettera che è stata consegnata all’Assessore Marco Gabusi e al vicepresidente regionale Franco Graglia, si leggono i punto principali d’intervento urgente quali la regimazione di tutte le tubazioni che affluiscono nel Tanaro.

L’abbattimento del ponte sulla Provinciale e sua ricostruzione  con criteri più idonei. Aiuti economici per coprire i danni causati dall’alluvione considerando che molte famiglie non dispongono di risorse materiali richieste per il recupero. Progetti per future opere di difesa con la ricalibratura degli argini per una spesa prevista un milione di euro. Infine il disalveo, ancora da compiere, nel tratto tra il Campo Sportivo e la zona Cameroni in cui sono presenti molte aree con grandi accumuli di materiali.

Sergio Rizzo

(Nella foto: i politici intervenuti a Ceva con il sindaco Vincenzo Bezzone)

VIDEO