Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

CALCIO/ Perché Pirlo è l'uomo giusto per la Juve che può puntare al decimo scudetto

CUNEO

Foto
Condividi FB

CUNEO CRONACA - Nonostante un inizio di stagione altalenante dove la squadra ha dimostrato non poche difficoltà con il nuovo modulo, Andrea Pirlo sembra essere l’uomo giusto per la Juventus. L’ex centrocampista bianconero è alla prima esperienza nei panni di allenatore, ma sta dimostrando di avere idee e concetti di gioco ben precisi grazie ai quali, come possiamo vedere su Librabet, la sua Juventus può puntare al decimo scudetto consecutivo.

Per puntare in alto, però, c’è bisogno che la squadra migliori sotto diversi punti di vista. A centrocampo servono idee e piedi buoni e per questo la dirigenza ha messo nel mirino Manuel Locatelli. L’ex centrocampista del Milan ha un contratto con il Sassuolo sino al giugno del 2023. La società neroverde non pare intenzionata a trattare la sua cessione con nessun club. Solo una proposta monster potrebbe far tentennare il Sassuolo.

Manuel Locatelli è approdato al Sassuolo nell’estate del 2018. Grazie a Roberto De Zerbi è cresciuto enormemente, tanto da diventare un uomo cardine della splendida Nazionale guidata da Roberto Mancini. La Juventus proverà a liberarsi di alcuni esuberi (Sami Khedira, che potrebbe andarsene a gennaio, e Federico Bernardeschi) per provare poi l’assalto a Manuel Locatelli che piacerebbe a tanti altri top club, non sono italiani. Se il Sassuolo dovesse fare muro, la Vecchia Signora potrebbe decidere di cambiare obiettivo. Il nome di Hakan Calhanoglu sarebbe sull’agenda di Fabio Paratici. Il turco pare sempre più vicino alla chiusura della sua avventura con il Milan.

La sensazione è che la Juventus proverà a forzare la mano già a gennaio. Molto dipenderà dalle eventuali cessioni che Fabio Paratici riuscirà a concretizzare. Andrea Pirlo sarebbe felice di avere un grande centrocampista come Manuel Locatelli. Altro profilo attenzionato dalla dirigenza è quello di Ryan Gravenberch, centrocampista classe 2002 di proprietà dell'Ajax.

Il giocatore che fa parte della scuderia di Mino Raiola ha altri tre anni di contratto con gli olandesi, ma i costi per il suo acquisto dovrebbero rientrare nel range di spesa che dalle parti della Continassa hanno deciso di investire per l'acquisto di un centrocampista che possa essere il presente e il futuro dei bianconeri.

Buone notizie per la difesa

Arrivano intanto buone notizie dal punto di vista difensivo. L’allenatore può sorridere perché le notizie che arrivano dall’infermeria sono positive e regalano ottimismo in vista della lunga corsa verso le vacanze di Natale, con dieci partite in un mese tra campionato e Champions League. 

Possono infatti rientrare a breve De Ligt e Alex Sandro che hanno svolto l’intera seduta con il gruppo e quindi sono pronti al rientro contro il Cagliari e all’esordio in questa stagione, che finora li ha visti forzatamente ai margini. Zero presenze e zero minuti per entrambi. Certo, adesso bisognerà ritrovare il ritmo partita e la brillantezza della condizione dopo il lungo stop cui sono stati costretti: tre mesi l’olandese, reduce dall’operazione alla spalla destra; due il brasiliano, frenato da un problema muscolare. Ora dovranno naturalmente ritrovare il ritmo partita, ma il loro ritorno permetterà di attutire l’impatto degli altri infortuni in difesa.

Il più atteso è senza dubbio il difensore olandese. Dopo l’operazione, effettuata esattamente tre mesi fa, è un’altra vita: il dolore è cessato e De Ligt sente l’articolazione salda come prima dell’infortunio di Bergamo del 23 novembre 2019, quando aveva subito la lussazione della spalla. Da lì in poi aveva avuto continui problemi di “uscita” e ha giocato con un tutore, ma ovviamente l’operazione era stata sempre rinviata per non perdere una fetta consistente della stagione. In dubbio per le prossime gare c’è però Leonardo Bonucci che si è sottoposto soltanto a terapie dopo i fastidi muscolari che lo hanno costretto a lasciare il ritiro degli Azzurri.

Il colpo del futuro

Se si punta ai giovani, uno dei nomi più interessanti sarebbe quello di Eduardo Camavinga, gioiello francese di appena 18 anni che sembra aver attirato l’attenzione dei top club europei. Il gioiello del Rennes, 18enne da pochi giorni, è seguito da tempo dagli scout bianconeri ma non c'è alcuna trattativa in piedi per prenderlo. Anzi, i costi di un'eventuale operazione sono ritenuti inavvicinabili al momento, visto che all'estero c'è più di un club pronto a investire oltre 50 milioni senza prestiti per averlo. E il Rennes non dà il via libera neanche a queste cifre sarà difficile strapparlo ai francesi senza un’offerta shock.

 

VIDEO