Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

BOVES/ Paoletti: "Gli ultimi 5 mesi per concludere i lavori promessi alla città"

CUNEO

Foto
Condividi FB

E’ durata poco più di un’ora la seduta dell’ultimo Consiglio comunale di Boves (Cuneo) convocata per la sera del 28 dicembre per la discussione del bilancio di previsione 2019-2021 e di tutti gli atti propedeutici approvati dalla maggioranza consiliare (voto contrario delle minoranze ivi compreso quello del consigliere Gianni Macagno, sfiduciato dal sindaco e passato da alcuni mesi sui banchi dell’opposizione). Esordisce il sindaco Maurizio Paoletti: “E’ il terzo anno consecutivo che il bilancio viene approvato prima del 31 dicembre evitando l’esercizio provvisorio, cosa che non accadeva a Boves da oltre 20 anni”. Annuncia Paoletti: “Stabili le aliquote Imu e Tasi, in costante diminuzione in questi anni la Tari, la buona notizia viene dalla riduzione dell’addizionale Irpef che scende dallo 0,8% allo 0,7% per il 2019 ed allo 0,6% per il 2020, si tratta di una riduzione su quella voce di entrata del 12,5% per quest’anno e del 25% per il prossimo”.

“In questi anni abbiamo realizzato risparmi sulla spesa corrente e sul personale che, unita alla estinzione di molti vecchi mutui ed alla non contrazione di nuovi, ci permettono da un lato importanti investimenti e dall’altro di dare corso alla riduzione delle tasse locali; abbiamo deciso di partire dalla addizionale Irpef per venire incontro un po’ a tutti, in particolare a chi il reddito lo produce ma anche ai pensionati - prosegue il sindaco di Boves -. La misura si combina con un altro aiuto alle fasce deboli, concordato con la rappresentanze sindacali Cgil-Cisl-Uil, con lo stanziamento di un fondo di 10 mila euro ancora sull’esercizio 2018 per la restituzione dell’addizionale a chi ha un reddito annuo inferiore ai 17mila euro secondo il bando che abbiamo appena pubblicato. Per il 2019 il fondo, sempre di 10 mila euro, prenderà in considerazione per 5mila euro l’Irpef e per altri 5mila euro la Tari, quale esenzione per le fasce più deboli”.

Commenta Maurizio Paoletti: “Direi che è una bella boccata di ossigeno per tutti. Molti Comuni sono stati costretti ad aumentare le tasse locali, noi le diminuiamo in una ottica di sostenibilità e mantenimento per il futuro senza penalizzare i servizi. Le belle notizie non finiscono qui però; a fine anno il Consiglio di amministrazione della Crc ha destinato a Boves un contributo di 550 mila euro per la realizzazione del polo sulla bioedilizia che abbiamo progettato nella caserma Cerutti insieme a Scuola Edile di Cuneo, Scuole San Carlo e Politecnico. E’ già in fase di appalto un intervento su un fabbricato delle casermette grazie ad un contributo di 200 mila euro dall’Unione Europea per la realizzazione di sistema di isolamento del fabbricato in calce-canapa, un progetto all’avanguardia nell’ambito del risparmio energetico e della filiera corta dei materiali”.

“Sono in corso di realizzazione gli interventi di rinnovamento delle due piazze principali di Boves; in piazza Italia sono stati messi a dimora due filari di gelsi e a fine gennaio arriverà anche il nuovo arredo urbano con le nuove panchine, mentre per marzo ci saranno le nuove fioriere, i fitoni, i porta bici, nuovi cestini anche per piazza dell’Olmo e per via Roma, mentre piazza Mottini diventerà, insieme al Pelerin, un piccolo salotto -. aggiunge Paoletti -. Sempre nel concentrico, grazie ad un finanziamento della Regione daremo corso alla nuova pavimentazione di via Partigiani, di una via del Ricetto e dei marciapiedi di Piazza Caduti; riguardo a questa ultima piazza, entro fine gennaio presenteremo alla popolazione uno studio di fattibilità per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo ad un piano”.

Ma le novità non riguarderanno solo il concentrico di Boves, precisa Paoletti: "Su Fontanelle si concluderanno in primavera i lavori per il rifacimento della barriere del canale oltre ad un progetto di regimazione acque per quasi mezzo milione di euro. Il ponte ciclopedonale verso San Mauro è praticamente ultimato ed a breve lo inaugureremo, mentre sta andando in gara quello di Rivoira. Nell’area industriale di San Mauro si procederà ad un altro intervento di regimazione acque per 160mila euro, mentre quello previsto a Chiesa Vecchia per oltre 80mila euro è in fase di ultimazione”.

Aggiunge il sindaco di Boves: “In questi giorni è in corso il rifacimento del tetto della ex Filanda Favole e si potrà darà corso all’allestimento della nuova biblioteca grazie ad un finanziamento di 250mila euro della Crt. Sugli impianti sportivi, dopo la messa a norma dei campi da calcio di Boves e Fontanelle per i quali vi è stata una spesa di quasi 140mila euro, è stato rifatto il tetto della bocciofila; è previsto inoltre ulteriore intervento di controsoffittatura e nella primavera sarà rifatto anche il tetto del locale destinato al baseball ed allora potremo pensare ai campi da tennis”.

Conclude Maurizio Paoletti: "Con i primi di aprile, ultimati i lavori sulle strade per il passaggio della fibra, ultimeremo buona parte degli asfalti (200 mila già realizzati a fine 2018) con il lotto destinato alla montagna per circa 30mila euro e tre altri lotti rispettivamente di 100, 120 e 180 mila euro. Gli ultimi 5 mesi di mandato potranno concludere un percorso di 5 anni che ha visto molti interventi sul territorio per i quali non posso che esprimere viva soddisfazione ed il ringraziamento a tutti quelli che hanno collaborato e lavorato per la loro realizzazione e di cui daremo conto pubblicamente ai cittadini entro fine maggio”.

VIDEO