Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

BOVES/ Melodie e arte nella ex Confraternita domenica con il concerto "Mia Martini. La vita, la musica, la voce"

CUNEO

Foto
Condividi FB

ADRIANO TOSELLI - Domenica 18, in Confraternita di Santa Croce, alle 16.30 (era stato annunciato per paio di ore dopo), nel programma della manifestazione musicale di Boves «Vie di jazz», è attesissimo l’appuntamento «Oltre il cielo – Mia Martini, la vita, le canzoni», protagonista grande talento locale, mellanese, la voce di Sylvia Blue Violino (già in programma paio di anni fa), con Massimo Celsi, tastiere e virtual bass, e Renzo Coniglio, percussioni.

«Oltre il cielo: Mia Martini - La vita, la musica, la voce»... È un concerto che attraverso musica ed immagini ripercorrerà la vita di Mia Martini.

Spiega la giovane Sylvia «Blue» Violino, mellanese, certo una delle giovani più interessanti a livello locale, concertista ed insegnante, capace, a sua volta, di abbinare forza, passione ed eleganza, molto adatta alla iniziativa: «Mia Martini è una delle personalità di maggior spicco della musica italiana novecentesca, che ne ha rappresentato una delle massime espressioni, donna straordinaria e vocalità inimitabile.

Ha saputo trasmettere brividi ed emozioni a tante generazioni grazie alle sue intense ed appassionate interpretazioni. Con la sua voce ha contribuito ad esaltare brani oggi passati alla storia come veri e propri capolavori musicali.

Attraverso le sue canzoni, vi sarà il percorso di un'artista che nonostante i momenti difficili, la solitudine, i dolori, rispondeva al pubblico con dolci e raffinate emozioni che ancora comunica, e comunicherà, a tante generazioni, nonostante la sua prematura scomparsa». Nel programma sono da «Almeno tu nell’universo” a «Gli uomini non cambiano», riflessioni esistenziali anche profondamente «sue», a brani di artisti amici con la quale collaboró in vita.

In Santa Croce, come capita quasi in ogni edizione di «Vie di jazz», dal 16 al 18, vi sarà anche esposizione di arte contemporanea di Daniela Dell’Orto, «Funambolo», una «ricerca informale», visitabile durante i concerti.

VIDEO