Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Banca Alpi Marittime premiata come “primo partner privato del Cus Torino”

MONDOVì

Foto
Condividi FB

La Banca Alpi Marittime di Carrù, in provincia di Cuneo, ha ricevuto a Torino, nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2016-2017 dello Sport Universitario torinese, tenutasi nell’Aula Magna “Giovanni Agnelli”, del Politecnico, il premio come partner Cus dell’anno per “aver supportato il progetto di attività sportive cussine sposandone filosofia e valori e sostenendo il progetto di riqualificazione degli impianti sportivi”. Premio che è stato consegnato al consigliere Fabrizio Clerico, membro del Consiglio direttivo della Bcc di Carrù. Altri due riconoscimenti sono stati attribuiti a Carlo De Blasio, caporedattore Rai Piemonte, come giornalista dell’anno ed a al dirigente CUS, Andrea Bissacco.

Con la cerimonia al Politecnico ha preso ufficialmente il via anche l’anno del 70° anniversario del CUS Torino presenti autorità accademiche, politiche, istituzionali e militari della città di Torino, oltre ai grandi atleti ed ai dirigenti delle sezioni del Centro Universitario Sportivo torinese, fra cui il Magnifico Rettore del Politecnico di Torino Marco Gilli, la Prorettrice dell’Università degli Studi di Torino Elisabetta Barberis, l’Assessore allo Sport della Città di Torino Roberto Finardi, il Presidente del Consiglio della Regione Piemonte Mauro Laus e il Presidente CUS Torino Riccardo D’Elicio.

«La collaborazione con il CUS Torino - commenta Carlo Ramondetti, Direttore Generale della Banca Alpi Marittime - si è concretizzata con la partecipazione al sostegno del progetto quinquennale di ampliamento dell’impiantistica sportiva universitaria di Torino, che ha visto la Banca Alpi marittime diventare il primo partner del Centro universitario sportivo. Senza dimenticare l’aver contribuito alla trasformazione della “CUS card” di cui è dotato ogni atleta iscritto, in una carta integrata dei servizi sportivi, che può essere utilizzata, anche come carta bancaria. Il riconoscimento ricevuto ci onora e ci inorgoglisce».

Aggiunge il presidente Gianni Cappa: «Quanto è stato attuato nell’ambito della collaborazione col CUS Torino, rientra fra gli scopi che la Banca Alpi Marittime si è prefissata, per venire incontro alle esigenze del mondo giovanile come anche per contribuire alla realizzazione di un’opera, che è stata sostenuta da tutto il Consiglio di amministrazione. La “carta CUS” poi, ha permesso di unire in un a unica card, anche le diverse funzioni di una comune carta bancaria. Nel caso è stata studiata in modo da poter essere applicata anche ad altre realtà associative sia del mondo giovanile che di diversa costituzione».

VIDEO