Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Ezio Elia pres LVIA ricordo di Don Aldo Benevelli

Condividi FB

LVIA tutta intera si unisce ai parenti e a tutti gli amici nella preghiera e nel dolore per la scomparsa di Don Aldo Benevelli, il nostro fondatore.

Come logiche conseguenze del suo coraggioso impegno civico nella Resistenza e della sua profondissima fede cristiana nacquero da don Aldo moltissimi frutti tra cui l’associazione LVIA.

Essa nacque dal volontariato di alcuni giovani che cinquant’anni fa don Aldo seppe convogliare nella costruzione di una delle prime ong di area cattolica finalizzata alla solidarietà e cooperazione internazionale attraverso la realizzazione di concreti progetti di sviluppo. Una piccola ma solida risposta concreta come servizio di pace alla grande chiamata che proprio cinquant’anni fa fece Paolo VI con la Populorum Progressio.

Per LVIA don Aldo non fu solo un ottimo aggregatore di persone e maieuta di tante vocazioni all’impegno e alla solidarietà, al dialogo tra culture e religioni, ma fu anche il Presidente/direttore dell’Associazione dalla nascita fino al 1996, gestendo dunque in prima persona la quotidianità di LVIA nelle piccole e grandi scelte tra cui merita ricordare, nei suoi ultimi anni di presidente, l’energia con cui lanciò l’impegno in Albania dal 1991.

Seppe gestire il non facile passaggio di testimone ai successivi presidenti espressi dalla base associativa restando, con discrezione, a fianco di LVIA senza mai venir meno ad un prezioso ruolo di critica costruttiva, fino a poter consegnare, un anno fa, alla “sua” LVIA, il premio dell’Università della Pace.
Il motto da lui scelto per l’anello dei volontari “ut non perdam”, tratto dal cap. 6 del vangelo di Giovanni, è ormai inciso sulle tessere dei nostri soci, scolpito nei nostri cuori e ci unisce ora nella comunione della preghiera e del ringraziamento.

Con questo arrivederci ti assicuriamo, don Aldo, che il servizio di pace LVIA continuerà ad impegnarsi per produrre frutti di giustizia.

La salma verrà trasferita il 21 febbraio mattina presso il Salone d’Onore del Comune di Cuneo, in via Roma 28.

Il Rosario si terrà in Duomo (in via Roma) il 20 febbraio alle ore 17.30 e il 21 febbraio alle ore 20.00

Il saluto civile avverrà alle 14.30 di mercoledì 22 febbraio sotto i portici del Comune di Cuneo

Il funerale si terrà in Duomo alle ore 15.30 dello stesso mercoledì.

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS