Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

storia - cronaca

Il fruttivendolo che dalla Sicilia ha aperto un curioso "banchetto" in centro ad Alba

ALBA



FIORELLA AVALLE NEMOLIS - E' sul finire del giorno che mi trovo ad Alba, in provincia di Cuneo. Passeggio, e prima di imboccare via Maestra mi imbatto in un banchetto che vende frutta. La parola banchetto, però, è riduttiva: è una rivendita all'aperto, di spiccata originalità, quasi pittoresca. E' una spaziosa struttura in ferro, con soffitto alto e pareti di fondo. Molto illuminata. La merce spicca e quasi parla, così vivida ed accattivante, ben disposta nei plateau: è il paradiso della frutta...


storia - politica

Ottant'anni dalle leggi razziali: testi e fotografie in mostra al Cdt di Cuneo

CUNEO



Fino al 4 novembre è allestita nella sala del Centro di documentazione territoriale di Cuneo, in largo Barale 1, la mostra "Mai indifferenti" realizzata dalla sezione Anpi Adele Bei della Cgil nazionale in occasione dell'80° anniversario delle leggi razziali. Visitabile negli orari di apertura dell’Istituto Storico della Resistenza, attraverso una ricca documentazione testuale e fotografica offre spunti per un’approfondita riflessione circa uno dei periodi più tragici e vergognosi della storia ...


storia - economia

Festa degli alberi a Mondovì: oggi più che mai a tutela di un'Italia che frana

MONDOVì



Il Comizio Agrario di Mondovì, in provincia di Cuneo, fu tra le prime istituzioni che in Piemonte accolsero l’invito del ministro della Pubblica Istruzione Guido Baccelli a celebrare la Festa degli Alberi, che fu istituita dallo stesso Baccelli nel 1898. Nel 1902, quindi, a Mondovì si celebrò una festa che sottolineava l’importanza degli alberi per la salute pubblica e per l’economia dell'intero Paese. Nel 2017 il Comizio Agrario monregalese, in occasione del 150° anniversario della sua costituz...


storia - eventi

Da Cuneo a Bene Vagienna un viaggio alla scoperta dell'arte, della cultura e dell'archeologia

CUNEO



Domenica 25 novembre Incontriamoci al museo, una giornata tra arte, cultura ed archeologia per scoprire Cuneo e Bene Vagienna, una giornata per poter guardare con occhi diversi la città dove si vive, che mostra sempre nuovi dettagli, tesori e segreti anche nelle cose apparentemente ordinarie. L’iniziativa è organizzata all’interno del progetto “TRA[ce]S – Trasmettere Ricerca Archeologica nelle Alpi del Sud” all'interno del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Interreg. V-A Italia-Francia ...


storia - salute

Caldo, per me bando a diete e ovvi consigli: vado per boschi attorno a Bra

BRA



FIORELLA AVALLE NEMOLIS - La gioia ritrovata di andare per i boschi di San Michele a Bra, in provincia di Cuneo, e fare un incontro molto speciale. Mi è capitato di ascoltare in trasmissioni televisive i consigli che si prodigano a elargirci contro la calura estiva e un po' mi viene da ridere. Sempre la solita tiritera che tutti conosciamo: frutta, verdura, bere molto, indossare abiti di tessuti naturali e, pensa un po', non uscire nelle ore più calde. Per gli anziani, poi, terrorismo. E se qu...


storia - solidarietà

Una lapide in Municipio ricorda i 218 caduti cheraschesi della Grande Guerra

BRA



Sono trascorsi 100 anni da quel 4 novembre del 1918, data di entrata in vigore dell’armistizio di Villa Giusti che segna convenzionalmente in Italia la fine della Prima guerra mondiale.  In tutto il Paese  ogni anno si svolgono le celebrazioni del IV novembre, ma il 2018 ha un significato in più: è trascorso un secolo da quel momento storico. Anche Cherasco, come ogni anno, ha celebrato il suo IV Novembre e, come per le altre città d’Italia, è stata una giornata particolare. Alla tradizionale p...


storia - sport

Valcasotto: riapre la Via dei Cannoni e subito l’E-Bike diventa grande!

MONTAGNA



ROBERTO CROCI - Lo Skibike Association tour di San Giacomo di Roburent va al raddoppio con il suo secondo incontro del 2018 per gli appassionati delle due ruote, anche elettriche. D’altra parte il soldato piemontese che fronteggiò Napoleone alla fine del ‘700 loro ce l’hanno nel logo. Soprannominati “bugianen” (che non si muovono) dai generali francesi che li vedevano resistere impavidi per tutti i mesi invernali sull’accampamento di Cima Robert, questi nuovi piemontesi su due ruote invece si ...


COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS