Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Serbo si scaglia contro l'ex compagna e altre due persone: bloccato a Cuneo

CUNEO

Foto
Condividi FB

Riceviamo dalla Questura di Cuneo: "La Polizia di Stato ha arrestato D.H., nato in Serbia nel 1984, senza fissa dimora e pregiudicato, per maltrattamenti in famiglia e violazione di domicilio aggravato.

Accecato dalla rabbia e dalla gelosia, un uomo di origini serbe ha deciso di punire la sua ex compagna, rea, secondo lui di avere una nuova relazione.

Solo l’immediato e professionale intervento degli agenti della Squadra Volante della Questura di Cuneo, ha evitato che la lite per gelosia si trasformasse in tragedia.

Alcune sere fa, erano quasi le 22, alcuni residenti hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, nel centro di Cuneo, per una violenta lite. Proprio sul pianerottolo dell’appartamento al terzo piano, i poliziotti (Assistente capo CECCARELLI Luca – Assistente RIBERO Marco – Agente ALECI Marco, coordinati dal Sovrintendente VIARA Renato) hanno trovato, in forte stato di agitazione e con gli abiti sporchi di sangue, D.H. All’interno della casa invece due donne ed un uomo, tutti con diverse ferite in viso, sulle braccia e sulle mani.

La cucina appariva come un campo di battaglia: sangue, cibo e oggetti di ogni tipo, si trovavano sul pavimento ed avevano imbrattato i muri. Profondamente scosse ma anche doloranti per le ferite riportate, le tre persone presenti nell’abitazione, ascoltate dal personale della Polizia di Stato hanno raccontato che D.H. era entrato come una furia in casa, rompendo la porta, scatenando una lite con la sua ex compagna e il suo amico.

In quel momento nell’appartamento era presente il fratello della donna aggredita che, vista la situazione, è riuscito a scappare portando insieme a lui la figlia di dieci anni che si trovava in camera a guardare la televisione.

Secondo il racconto delle vittime e dei testimoni, D.H. si sarebbe scagliato con violenza contro la sua ex e quello che lui considerava il rivale in amore.

Quest’ultimo infatti è stato ricoverato nell’ospedale Santa Croce di Cuneo per le ferite riportate e per la frattura della falange di una mano.

Ferite al volto, ma in maniera meno grave, anche la cognata che, inutilmente ha cercato di calmare D.H. 

D.H. è stato ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia, violazione di domicilio nonché responsabile di lesioni personali gravi e aggravate e danneggiamento aggravato.

“Affinché certe situazioni già tese tra ex coniugi o fidanzati, non degenerino in qualche cosa di più grave, è sempre importante denunciare ogni più piccola violenza alle forze dell’ordine e chiamare immediatamente nel caso in cui si vengano a creare situazioni rischiose come quella accaduta alcune sere fa a Cuneo”, ricorda il Sostituto Commissario Luigi CHILLA della Questura di Cuneo, Dirigente U.P.G.S.P".

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS