Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

"Segnalato il degrado del ponte dell'Olla sulla statale 21 della Maddalena: cosa fa l'Anas?"

MONTAGNA

  • Foto
  • Foto
  • Foto
Condividi FB

Riceviamo e pubblichiamo dal sindaco di Gaiola Fabrizio Biolé, in provincia di Cuneo: "In qualità di sindaco e nella più lata accezione di responsabile della pubblica incolumità dei cittadini sul proprio territorio di competenza, denuncio l'inerzia di Anas, ente proprietario, preposto alla verifica, alla prevenzione di danni e incidenti ed al ripristino della normale funzionalità dell'arcata nord della struttura del ponte dell'Oll" sul fume Stura percorso dalla strada statale 21 del Colle della Maddalena, a seguito di segnalazione di privato cittadino (28/11/2017), cui è seguito immediato sopralluogo fotografico della squadra manutentiva del Comune Gaiola - che guido pro tempore - e successivo (30/11/2017) mio personale sopralluogo insieme a tecnico ingegnere di mia fiducia.

L'Anas, a seguito della mia segnalazione per posta elettronica certificata del 29 novembre (riportata sotto), ha infatti (...) compiuto sopralluogo lo stesso 30 novembre e, a mia precisa domanda, ha garantito al sottoscritto, non competente in materia ingegneristica, l'invio solerte ("(...) in giornata (...)") tramite posta certificata di verbale del sopralluogo stesso e del parere a firma del funzionario competente sul rischio connesso alla situazione riscontrata.

Non avendo ricevuto alcuna comunicazione, sollecitavo ulteriormente venerdi 1 dicembre la stessa Anas, con ulteriore messaggio via Pec, a inviare verbale, parere e comunicazione in merito ai tempi e le modalità dell'intervento per il ripristino dello stato funzionale ordinario del manufatto. Ad oggi, giovedi 7 dicembre ore 01,00, ancora nè il sottoscritto nè il Comune hanno ricevuto da Anas la qualsivoglia comunicazione in merito alla situazione di cui all'oggetto.

Si tratta del fianco est della prima arcata sud del ponte sul quale transita verosimilmente il 95% di tutto traffico che dal territorio di Roccasparvera percorre la Valle Stura in direzione Gaiola-Colle della Maddalena e viceversa, tra cui il 100% del traffico pesante costituito solo questo da circa 500-800 passaggi giornalieri. Si tratta, per lo più, del ponte sul quale diverse volte ogni giorno transitano pullman di linea e scuolabus che trasportano gli alunni della scuola dell'infanzia e della scuola primaria del plesso di Roccasparvera, abitanti nei territori dei comuni di Gaiola, Moiola, Rittana e Valloriate.

Il sottoscritto, l'amministrazione del Comune e i pochi cittadini attualmente a conoscenza diretta della situazione sono fortemente preoccupati. Per questo ritengo doveroso e non prorogabile sviluppare qualsiasi azione lecita - comunicativa, dimostrativa e di denuncia - utile alla più solerte soluzione della situazione ed al più rapido ripristino della normalità estetica, statica e funzionale della struttura del ponte".

Fabrizio Biolé, sindaco di Gaiola - Unione Montana Valle Stura di Demonte

Di seguito, invece, riportiamo la mail-segnalazione per posta elettronica certificata del 29 novembre, che è stata inoltrata ad Anas, alla Prefettura di Cuneo, alla Provincia di Cuneo, ai Comuni della Valle Stura, all’assessorato regionale ai Trasporti, ai carabinieri, alla polizia stradale ed al Mit.

"Buon giorno,

a seguito della mail riportata in calce e inoltrata da questo Comune mercoledì 29 novembre,

visto il sopralluogo effettuato in data 30 novembre alle ore 11,30 circa, in presenza del sottoscritto, dal capo cantoniere Anas per la Ss21 (...)

visto il riscontro sul posto avuto dai succitati in merito alla segnalazione di cui all’oggetto,

a seguito della richiesta immediata del sottoscritto di un parere scritto e firmato da parte dell’ingegnere (...) e/o del competente ufficio tecnico Anas sul grado di pericolosità del degrado della arcate del ponte, l’ingegnere (...) affermava che, non essendo sua competenza diretta, questo Comune avrebbe ottenuto il parere richiesto entro la stessa giornata di giovedi 30 dicembre.

Non avendo avuto seguito la dichiarazione dell’ingegnere, in quanto ad oggi nessun parere è stato ricevuto da questo Comune e dal sottoscritto, reitero con la presente al competente ufficio Anas la richiesta della redazione e dell’invio urgente di un parere in merito al grado di pericolosità della situazione in essere, sottoscritto da chi ne ha competenza diretta all’interno dell’organigramma di Anas stessa.

Unitamente a tale parere scritto, richiedo immediate informazioni da parte dell’ente competente (Anas) sui tempi e le modalità per l’effettuazione di una perizia statica sul manufatto e per l’effettuazione dell’intervento che riporti a situazione ordinaria l’estetica, la staticità e la funzionalità del ponte stesso".

 

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS