Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Pesche: crisi senza precedenti in Granda, 1 kg vale meno di un Sms

CUNEO

Foto
Condividi FB

Riceviamo dalla Coldiretti di Cuneo: "Ai produttori della Granda un chilo di pesche viene pagato meno che un sms per poi aumentare dal campo alla tavola di 9/10 volte! La dura denuncia viene da Coldiretti Cuneo che intende segnalare questa grave situazione ai consumatori e ai componenti della filiera.

La raccolta delle pesche in provincia di Cuneo ha avuto inizio ormai da alcune settimane, ma mai come quest'anno, nonostante l'ottimo raccolto in termini qualitativi e il caldo che dovrebbe favorire il consumo di frutta estiva, la remunerazione del prodotto al frutticoltore ha raggiunto livelli a dir poco offensivi. 15/20 cent al kg rappresentano infatti il 50% del costo di produzione: una situazione insostenibile per i migliaia di frutticoltori della Granda, territorio da sempre dedito alla coltivazione della pesca con una produzione annua di oltre 3 milioni di q.li tra pesche e nettarine.

Coldiretti Cuneo denuncia con forza le distorsioni all'interno di una filiera troppo lunga, che vede “magazzini” e grande distribuzione scaricare il peso sui produttori insieme a tutti i rischi di impresa, con pratiche commerciali spesso sleali e pagando prezzi inqualificabili.

Di questo passo - denuncia Coldiretti Cuneo - la Granda rischia di veder scomparire una delle colture che più hanno caratterizzato il territorio.

Da Coldiretti parte un appello ai cittadini che hanno sempre dimostrato attenzione verso gli agricoltori: consumate frutta di stagione proveniente direttamente dai nostri territori e se potete rifornitevi direttamente dai produttori e ai mercati agricoli di Campagna Amica.

Tutta la filiera deve riflettere profondamente sulla necessaria ristrutturazione di tutto il sistema che deve avere regole più trasparenti e soprattutto una distribuzione più equa del valore del prodotto.

Occorre inoltre – continua la Coldiretti - estendere al più presto l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza della frutta trasformata in conserve e succhi per evitare che venga spacciata come Made in Italy quella importata dall’estero, ed aumentare i controlli sull’ortofrutta fresca di importazione, spesso etichettata e venduta per nazionale. Serve un impegno di filiera per salvare il pescheto cuneese che – conclude la Coldiretti - si è ridotto di negli ultimi anni di oltre il 30%". 

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS