Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

"Nessuna anomalia sul conteggio della Tari a Mondovì"

MONDOVì

Foto
Condividi FB

“Il Comune di Mondovì, in provincia di Cuneo, ha conteggiato in modo corretto la tassa sui rifiuti. Un recente confronto con gli uffici, al cui costante impegno e professionalità dobbiamo l’assenza di anomalie, ha confermato la regolare applicazione di parametri ed aliquote”: così l’assessore a Bilancio, Finanze e Tributi, Cecilia Rizzola, interviene in merito alle voci di una presunta tassazione illegittima diffuse in questi giorni in gran parte d’Italia.

La Tari, ultima evoluzione della tassa in precedenza nota come Tarsu, Tia e Tares, si paga in base ad una quota fissa, commisurata alla superficie degli stabili, e ad una variabile, regolata sul numero degli occupanti delle utenze domestiche e fondata sul presupposto che più persone producono un maggior numero di rifiuti.

Oggetto del contendere è proprio la moltiplicazione della quota variabile, applicata in molti Comuni alle cosiddette pertinenze, ovvero cantine e garages, con un conseguente incremento per i contribuenti delle somme da versare.

L’anomalia, evidenziata da un’interrogazione presentata alla Camera dei Deputati, non si verifica però a Mondovì, dove la quota variabile della Tari viene correttamente conteggiata una sola volta per ogni utenza domestica.

(Immagine tratta dal sito del Comune di Cuneo)

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS