Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Mondovì, sequestro Filippi nel '78: documentario della figlia al Torino Film Festival

MONDOVì

Foto
Condividi FB

Pier Felice Filippi era campione di rally, figlio di un industriale torinese, e aveva 23 anni quando, nel '78, fu rapito dalla ‘ndrangheta. La figlia Alice di Mondovì (Cuneo), classe 1982, con "'78 - Vai piano ma vinci" ha portato alla luce i 76 giorni di prigionia del padre, dopo i quali riuscì a liberarsi, a fuggire e a far arrestare i suoi rapitori.

Attraverso il racconto diretto del protagonista, della famiglia e degli investigatori, il film ricostruisce la prigionia e la pianificazione della fuga di Pier Felice. In parallelo, grazie alle registrazioni originali delle telefonate coi rapitori, si rivive la battaglia di un padre nel tentativo di restituire la libertà al figlio, con mezzi leciti e… non solo. Pier Felice sa che sta per affrontare la sfida più importante della sua vita, ma è una gara che dovrà correre andando più piano possibile, mantenendo lucidità e freddezza.

“Vai piano ma vinci” ripeteva sempre la madre prima di ogni gara, mai come in quei giorni quella raccomandazione gli diede la forza di non arrendersi. Pier Felice era un pilota automobilistico di rally. Appena rapito si finge svenuto, viene caricato nel portabagagli e riesce a mettere a fuoco il percorso dell’auto, capisce di essere vicino Savona e appena ne ha la possibilità cerca di comunicarlo alla famiglia. “I am near sv” sono le prime lettere con cui inizia ogni frase scritta nel biglietto che i rapitori lo costringono a scrivere per convincerli a pagare il riscatto, ma il messaggio criptato in verticale non verrà colto né dalla famiglia né dagli investigatori.

Trascorrono i giorni, Pier Felice è guardato a vista, perde la cognizione del tempo e dello spazio, ma non la lucidità per incastrare uno ad uno i pezzi del puzzle che lo condurranno verso la libertà. La famiglia Filippi aveva già vissuto il dramma della perdita di un figlio, Giancarlo, fratello maggiore di Pier Felice. Sono trascorsi 24 mesi. Pier Felice non lo sa, ma il giorno dell’anniversario di quel drammatico incidente è lo stesso in cui riuscirà a mettere fine alla sua prigionia. Questa è la storia della sua fuga.

Alice Filippi è diplomata alla New York Film Academy in regia. Collabora dal 2005 con Carlo Verdone lavorando come aiuto nei film: “Il mio miglior nemico”, “Grande Grosso e Verdone”, “Posti in piedi in Paradiso”, “Cenerentola – una favola in diretta”, “Sotto una buona Stella”. Ha collaborato inoltre con Montaldo, Martone, Veronesi, Marengo, Infascelli, che hanno contribuito alla sua formazione. In ambito internazionale, ha lavorato come aiuto alla regia su “The 15:17 to Paris” regia di C.Eastwood, “Inferno” regia di Ron Howard, “Spectre” regia di Sam Mendes, “Eat, Pray, Love” regia di Ryan Murphy, e sulla serie tv per Sky “I Borgia“. Autrice e regista degli spot “Fai come me!” sulla sicurezza stradale andati in onda sulle reti Mediaset, Sky e reti Rai, regista e autrice dello short film “My green fashion dream” pubblicato sulla sezione Talents di Vogue.it.

Il documentario sarà presentato alla 35ª edizione del Torino Film Festival (TFF). Il film, prodotto dalla Mowe di Roberta Trovato, è stato realizzato con il sostegno di Mibact – Direzione Generale per il Cinema e di Film Commission Torino Piemonte – Piemonte Doc Film Fund, sarà proiettato al cinema Reposi di Torino domenica 26 novembre alle 20,30, con replica lunedì 27 alle 11,15. “ ’78 – Vai piano ma vinci” è stato girato nell’estate 2016 a Mondovì da Alice Filippi, che oltre ad aver scritto e diretto il film, ne è anche protagonista come attrice recitando nel ruolo della madre.

 

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS