Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Frabosa Sottana: un successo la "7 piloni", più di 200 ai blocchi di partenza

MONTAGNA

Foto
Condividi FB

Nemmeno il più inguaribile degli ottimisti avrebbe potuto preventivare un successo simile: oltre 200 persone, infatti, hanno preso parte alla “7 piloni”, competizione podistica ideata nel 1973 e tornata a snodarsi lungo il circuito della frazione Alma Ressia di Frabosa Sottana, in provincia di Cuneo, dopo 40 anni di assenza.

Ai blocchi di partenza c’erano 60 podisti, 150 camminatori e 30 ragazzi, senza contare i numerosi spettatori assiepati lungo il tragitto. «Posso affermare che non ci aspettavamo tutta questa partecipazione - ha dichiarato Paolo Voarino, presidente della Pro Loco di Frabosa Sottana -; sono rimasto piacevolmente colpito e devo dire che la macchina organizzativa messa in moto dal nostro sindaco Adriano Bertolino ha funzionato alla perfezione. Visto l’ottimo risultato, non vediamo l’ora di riproporre l’evento il prossimo anno: una gara sportiva di questo tipo mancava all’interno del nostro Comune e speriamo che, col tempo, si consolidi sempre di più».

Per la cronaca, tra gli uomini si è imposto Paolo Aimar (asd Dragonero), tallonato da Maurizio Basso (team Marguareis) e Fabrizio Bongiovanni (PAM Mondovì Chiusa Pesio), mentre fra le donne ha vinto Erika Basso (Ski Club Val Ellero), seguita da Mariangela Siccardi (PAM Mondovì Chiusa Pesio) e Chiara Bonelli (Ski Club Val Ellero).

«È stato bello vedere tra i camminatori gente di tutte le età - ha aggiunto Voarino -; bimbi, anziani e famiglie con il sorriso a fine gara, stanchi ma consapevoli di aver preso parte a qualcosa di storico. Sottolineo l’ottima sinergia fra le associazioni organizzatrici (“Amici dell’Alma”, asd Dragonero e Pro Loco), con un grazie particolare a tutti i volontari disseminati lungo il percorso al fine di garantire la sicurezza degli atleti e ad Augusto Griseri, tecnico FTP del Comitato Provinciale Fidal di Cuneo nonché dirigente, istruttore e giudice dell’asd Dragonero.

Abbiamo voluto riprendere questa competizione in modo da poterla inserire nei festeggiamenti dei 100 anni della consacrazione a parrocchia della chiesa della frazione. Stiamo già lavorando alla prossima edizione con la voglia di migliorarci e coinvolgere sempre più persone».

(Foto Diego Voarino)

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS