Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

CUNEO/ Gancia (Lega): "No a tassa di soggiorno, la Regione intervenga"

CUNEO

Foto
Condividi FB

"Non si può certo dire che la città di Cuneo abbia una spiccata vocazione turistica. Il buon apparato ricettivo di cui essa è dotata è, infatti, quasi interamente collegato alle attività del settore imprenditoriale del territorio.

La tassa di soggiorno, prevista in via sperimentale a partire dal prossimo luglio, non sarà certo accolta favorevolmente da chi si ferma in città per motivi puramente lavorativi e rischierà di danneggiare non solo le strutture alberghiere, ma addirittura l'intero tessuto economico cittadino": così Gianna Gancia, capogruppo della Lega Nord in Regione, in un ordine del giorno depositato in Consiglio.

"La regione intervenga - conclude Gancia - e cerchi di persuadere il comune di Cuneo a riconsiderare l'introduzione di questa imposta".

Riportiamo il testo dell'ordine del giorno:

“Premesso che l’imposta di soggiorno, in base alle disposizioni previste dall’art. 4 del decreto legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, si applicherà ora anche nel Comune di Cuneo;

rilevato che il Comune di Cuneo non risulta certamente essere un Comune a spiccata vocazione turistica, pur possedendo un certo apparato ricettivo legato al settore economico aziendale, tradizionalmente è vocata non solo la città di Cuneo ma l’intera provincia;

dato atto che l’introduzione di questo inutile balzello rischia di danneggiare seriamente le strutture ricettive e di incidere negativamente sul tessuto economico e imprenditoriale della città;

Il Consiglio regionale impegna il presidente e la Giunta ad attivarsi presso il Comune di Cuneo perché l’introduzione di tale imposta possa essere discussa con franco dialogo con le associazioni di categoria e di Comune maggiormente interessate".

 (Foto di Gianna Gancia tratta dalla sua pagina Facebook)

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS