Meteo Radio Stereo 5 Euroregion Facebook Twitter Youtube Linkedin

Antiche emozioni alla chiesa dei Battuti Bianchi di Bra per il rito della Vestizione

BRA

Foto
Condividi FB

Si è svolta nella splendida cornice della chiesa dei Battuti Bianchi di Bra la Vestizione, che suggella l’ingresso ufficiale nella Confraternita dei nuovi Rettori.

La chiesa del Battuti Bianchi è uno dei più entusiasmanti capolavori barocchi del Piemonte, non solo per le opere d’arte custodite, ma per la sua confromazione architettonica. Le note ed i canti durante la cerimonia, eseguiti con maestia dal Coro dei Battuti Bianchi, hanno confermato l’acustica del coro della chiesa della Santissima Trinità, dove cameggia il Cristo del Plura, opera unica nel suo genere.

La cerimonia si svolta domenica 19 marzo officiata da don Giorgio Garrone Padre Spirituale della Confraternita dei Battuti Bianchi. Ad interodurre la funzione, che ha visto l’imngresso di Giuseppe Pacotto, quale Rettore, e Paolo Ferria e Filippo Palazzolo quali Vice Rettori, il Presidente Livio Sartirano. “ Ringrazio - ha commentato il Presidente Sartirano - i Rettori che hanno guidato la Confraternita nel passato anno sociale. Ringrazio i nuovi Rettori Giuseppe Pacotto, Paolo Ferria e Filippo Palazzolo, per avere accettato di fare parte della nostra Confraternita ed il nostro Padre spirituale don Giorgio.

Siamo qui questa domenica per celebrate la funzione di Investirurra dei nuovi Rettori che è un rito ordinato e sotto la legida del nostro Arcivescovo Monsignor Nosiglia. Un rito che vive dal 1626 nella tradizione dei Battuti Bianchi e mi auguro che questa tradizione prosegua per altrettanti secoli.” La cerimonia esteriore della Vestizione ha dato vita all’atto di investitura dei nuovi Rettori. Aiutati dai Rettori ancora in carica viene indossato il camice bianco e il cordone alla cintola da Giuseppe Pacotto, Paolo Ferria e Filippo Palazzolo, che li indicherà come appartenenti alla Confraternita della Santissima Trinità.

Segno conclusivo il passaggio del medaglione con il simbolo della Trinità che verrà indossato nei momenti significativi quali le processioni che si avvicendano durante l’anno religioso. Certamente il ruolo dei Rettori non è più quello dei secoli scorsi, quando i Rettori erano i veri capi della confraternita. Nuovi ordinamenti di legge, fiscali e civili, hanno imposto un diverso ordinamento alla Confraternita con nun Consiglio di Amministrazione con precise responsabilità di fronte alla legge. Ma lo spirito è quello di sempre, l’ingresso nella Confraternita avviene sempre attraverso la cerimonia dell’Investitura, immutata nella chiesa della SS.Trinità da quattri secoli, dal 1626 da quando fu aperta al culto e da altri tre secoli prima nella precedente chiesa. Sono sette secoli che questa tradizione si perpetua e come ha giustamente affermato il vescovo Monsignor Nosiglia le tradizioni radicate nella comunità vanno rispettate e mantenute.

I Battuti Bianchi intendono conservarle e perpetuarle almeno per altri sette secoli, nonostante le difficoltà che la Chiesa deve oggi affrontare. Durante la funzione, con la recita della preghiera del confratello, che suggella l’accettazione ai regolamenti della confraternita, i tre nuovi Rettori sono entrati ufficialmente col rito religioso a far parte della Confraternita dei Batturi Bianchi. Al termine della funzione Rettori, Confratelli ed intervenuti si sono recati al piano superiore dei locali della Confraternira per suggellare con la firma degli atti il passaggio di consegne ai nuovi Rettori. E’ stato il Cermoniere Gianni Carnevale a leggere il verbale di insediamento di Giuseppe Pacotto, Paolo Ferria e Filippo Palazzolo, che li inserisce a pieno titolo nei ragnhi della Confraternita, un ingresso ufficiale col mandato ai nuovi Rettori che reggeranno per un anno le sorti dei Battuti Bianchi di Bra.

 

VIDEO

COPYRIGHT 2016 WEB & TECH SOLUTIONS